Sono Anna Porta, mi sono laureata in Psicologia nel 2000 presso l’Università degli Studi di Torino, dal 2002 esercito la professione di psicologa, sono iscritta all’albo degli psicologi del Piemonte e dal 2008 sono psicoterapeuta. Sono iscritta all’albo dei CTU (Consulente Tecnico d’Ufficio) presso il Tribunale di Biella e collaboro con diversi studi legali del biellese come CTP (Consulente Tecnico di Parte) principalmente in situazioni di separazioni e divorzi.

Ho lavorato per quattordici anni per la Provincia di Biella presso il Centro per l’Impiego occupandomi di orientamento professionale. Da quindici anni lavoro nel campo delle Cure Palliative presso L’Hospice l’Orsa Maggiore della LILT di Biella dove lavoro con gli ospiti, i loro familiari e con l’equipe. Inoltre seguo i familiari nella fase di elaborazione del lutto. Sempre per la LILT di Biella mi occupo dei percorsi psicologici con malati oncologici e con familiari di malati oncologici. Collaboro con Gruppi di Ricerca a livello nazionale e Società Scientifiche. Svolgo docenze in Master post universitari. Sono supervisore per le equipe di alcune Comunità per minori.
Mi sono specializzata in psicoterapia sistemico relazionale presso la E.I.S.T. (European Institute of Sytemic-relational Therapies) di Milano. La mia formazione mi consente di condurre terapie individuali, terapie di coppia e terapie familiari, lavoro che svolgo da tanti anni in contesti diversi.

La fascia d’età dei miei pazienti è ampia, proprio per il tipo di orientamento terapeutico. I miei clienti sono adulti, adolescenti e bambini, che possono essere visti individualmente, in coppia e con le famiglie di appartenenza, coerentemente con i bisogni espressi.

I sintomi che mi vengono portati sono diversi: disturbi alimentari (anoressia, bulimia, obesità), disturbi d’ansia (agorafobia, claustrofobia, attacchi di panico), i disturbi ossessivo compulsivi, disturbi somatoformi, depressione.
La presa in carico prevede inizialmente un percorso consulenziale con appuntamenti a cadenza settimanale, grazie al quale viene definita la natura del problema attraverso una visione triadica e sistemica, a cui può poi seguire una psicoterapia che generalmente ha una durata variabile tra i 15-20 incontri, ma può essere anche inferiore o superiore coerentemente con i bisogni del cliente.

L’approccio a cui faccio riferimento mi da la possibilità di leggere questi sintomi in un più ampio contesto in cui non esiste la “persona malata”, ma chi, attraverso un sintomo, dichiara un disagio non solo individuale ma del proprio contesto di apprendimento e di appartenenza. Le storie di vita sono complesse e affascinanti: in alcuni momenti possiamo vivere delle criticità che generano dei blocchi, delle empasse, che sfociano in sintomi che assumono forme diverse: depressione, ansia, disturbi alimentari, disturbi ossessivo compulsivi.

Nei bambini possiamo notare disturbi del sonno,enuresi, encopresi, oppositività, difficoltà nell’andare a scuola, disturbi alimentari e sempre di più è diffusa la manifestazione di ansia (da prestazione) legata a compiti da svolgere (scolastici, sportivi, legati ad attività extrascolastiche), sia situazionali o legata ad oggetti specifici. Nell’adolescente oltre ai sintomi già menzionati possiamo avere comportamenti antisociali, consumo e abuso di sostanze (è sempre più diffusa oltre a quella delle droghe anche quello dell’alcool), difficoltà nella gestione delle emozioni, problemi scolastici. Molte sono le forme che i sintomi possono assumere nella comunicazione di un disagio.

Quando emergono queste fatiche è molto importante la tempistica: prima ci si rivolge allo psicoterapeuta, maggiori sono le probabilità di risoluzione dei sintomo in tempi brevi. Spesso le persone tendono a sottovalutare quanto vedono e sentono per la paura di affrontare situazioni che richiedono di mettersi in gioco e lavorare sulle parti più intime di sé che e a volte sono le più dolorose. Un grande ruolo lo svolgono a questo proposito i familiari e gli amici, la scuola, gli allenatori, i medici che possono sostenere la persona nell’intraprendere un percorso psicologico.

Tel. 339.4477791
anna.porta@synergiapralino.it

Contattami

Chiudi il menu